• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.9/02936-A/192 premesso che:il Fondo unico per spettacolo (Fus), istituito con la legge n. 163 del 1985, è lo strumento finanziano attraverso i quale lo Stato sostiene le attività del settore spettacolo,...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/2936-A/192 presentato da EMILIA GRAZIA DE BIASI testo di mercoledì 16 dicembre 2009, seduta n.259

La Camera,
premesso che:
il Fondo unico per spettacolo (Fus), istituito con la legge n. 163 del 1985, è lo strumento finanziano attraverso i quale lo Stato sostiene le attività del settore spettacolo, sia del cinema che dello spettacolo dal vivo;
la gestione del Fondo consente, infatti, di assegnare contributi ad enti, istituzioni, associazioni, organismi ed imprese operanti nei settori delle attività cinematografiche, musicali, di danza, teatrali, circensi e dello spettacolo viaggiante, nonché di promuovere e sostenere manifestazioni ed iniziative di carattere e rilevanza nazionali da svolgere in Italia o all'estero;
lo spettacolo in Italia, nel suo complesso, conta all'incirca 250.000 addetti, tra artisti, tecnici, operatori, maestranze e l'esiguità di finanziamenti pubblici mette in serio rischio i livelli occupazionali dell'intero comparto e il sistema dei diritti e degli ammortizzatori sociali;
ancora una volta, la manovra finanziaria proposta dall'attuale Governo si caratterizza per lontananza e disinteresse nei confronti del mondo dello spettacolo, se si considera che la previsione di spesa per il prossimo anno si attesta a oltre 120 milioni in meno di quanto previsto dalla legge finanziaria per il 2007 del Governo Prodi;
il protrarsi di una situazione di inadeguatezza e scarsità di stanziamenti per la produzione e l'industria dello spettacolo italiani potrebbero determinare, di fatto, la chiusura di interi settori di attività che, al contrario, sono da considerare strategici per la ripresa del Paese e necessitano di adeguatezza progettuale, sia in termini di finanziamento, sia in termini di programmazione e di politica di interventi;
nonostante le molteplici sollecitazioni provenienti dai diversi schieramenti politici, i provvedimenti sin qui adottati non sembrano cogliere la gravità della situazione che si sta determinando in un comparto così cruciale per la cultura e la stessa identità nazionale;

impegna il Governo

a valutare la possibilità di attuare una politica complessiva a sostegno del settore dello spettacolo e a predisporre ulteriori iniziative normative volte a individuare risorse aggiuntive.
9/2936-A/192.(Testo modificato nel corso della seduta)De Biasi, Ghizzoni, Picierno, Nicolais, Mazzarella, Coscia, Rossa, Antonino Russo, De Pasquale, Levi, Bachelet, Siragusa, De Torre, Pes, Lolli, Bossa.