• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.5/02259 MISITI. - Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, al Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione. - Per sapere - premesso che: le procedure per il rilascio il...



Atto Camera

Interrogazione a risposta in Commissione 5-02259 presentata da AURELIO SALVATORE MISITI
mercoledì 16 dicembre 2009, seduta n.259
MISITI. - Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, al Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione. - Per sapere - premesso che:

le procedure per il rilascio il rinnovo e il duplicato della patente nautica e delle licenze di navigazione per le imbarcazioni da diporto e da traffico, ad oggi sono gestite con archivi cartacei e/o elettronici non centralizzati dagli uffici periferici del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, siano essi gli uffici della Motorizzazione civile e della Capitaneria di porto e gli uffici circondariali marittimi;

la mancanza di un archivio elettronico centrale tra gli uffici periferici e il Ministero, diversamente da come avviene per esempio per le patenti di guide e i veicoli per i quali esiste un archivio unico centrale da decenni, crea un notevole disagio, ai titolari dei predetti documenti, qualora gli stessi debbano essere rinnovati, aggiornati o duplicati per gli adempimenti richiesti dalla pubblica amministrazione. Disagio dovuto all'obbligo di richiedere l'espletamento presso l'ufficio locale che ha rilasciato il titolo di guida o l'autorizzazione alla navigazione e non presso un qualsiasi ufficio periferico dell'amministrazione, così come avviene per le patenti di guida e i documenti di circolazione dei veicoli;

la mancanza di un archivio centrale non garantisce quindi procedure snelle e immediate sia ai cittadini, possessori dei già menzionati documenti, che agli organi di polizia che non hanno strumenti di verifica immediata dell'autenticità dei titoli di viaggio richiamati;

va, inoltre, osservato che la meccanizzazione delle procedure, oltre alla semplificazione amministrativa, di fatto garantirebbe la nascita dello sportello telematico del diportista, in analogia a quanto già avviene, da diversi anni, nel campo dei conducenti dei veicoli a motori -:

se i Ministri siano a conoscenza della situazione e intendano assumere iniziative affinché vengano attivate, le procedure per la realizzazione di un archivio unico centralizzato, da attivarsi, senza onere eccessivi per la finanza pubblica, implementando il sistema già esistente presso il centro elaborazione dati «C.E.D.» del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti;

se i Ministri non ritengano di dovere intervenire, per quanto di loro competenza, per la realizzazione dello sportello telematico del diportista. (5-02259)