• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN COMMISSIONE

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.0/01835/004/ ... in sede di esame del disegno di legge n. 1835, recante "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 settembre 2009, n. 134, recante disposizioni urgenti per garantire la...



Atto Senato

Ordine del Giorno 0/1835/4/07 presentato da FABIO GIAMBRONE
giovedì 5 novembre 2009, seduta n. 142

Il Senato,
in sede di esame del disegno di legge n. 1835, recante "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 settembre 2009, n. 134, recante disposizioni urgenti per garantire la continuità del servizio scolastico ed educativo per l'anno 2009-2010",
premesso che:
le scelte effettuate dal Governo sugli organici, in tutti gli ordini di scuola, hanno prodotto una rilevante riduzione delle risorse professionali disponibili nelle istituzioni scolastiche, che incide negativamente sulla funzionalità e sull'efficacia dei servizi e compromette l'attuazione dell'offerta formativa della scuola pubblica,
l'incremento generalizzato del numero di alunni per classe, in molti casi oltre i limiti di accoglienza delle aule e degli edifici scolastici, la diminuzione, in diversi territori, delle strutture disponibili per l'attività didattica, nonchè la riduzione del personale docente e ATA, incidono negativamente sulla quantità e sulla qualità delle attività delle scuole,
la completa scomparsa nelle scuole di personale con ore a disposizione, utilizzabile anche per la sostituzione del personale assente per brevi periodi, e l'inadeguatezza delle risorse assegnate in fase di programmazione per le supplenze e delle modalità e procedure per la nomina dei supplenti, aggiungono difficoltà e determinano problemi nella programmazione e nell'erogazione dei servizi,
il provvedimento all'esame, cosiddetto "salva-precari", insufficiente quanto a risorse impegnate e soggetti coinvolti, appare inidoneo a contribuire alla soluzione dei problemi di erogazione del servizio scolastico,
le scuole non hanno ricevuto dallo Stato alcun finanziamento per il funzionamento per il 2009, anzi l'accumularsi di crediti delle scuole nei confronti del Ministero non fa che aggravare la situazione di scarsa disponibilità di cassa di molte istituzioni scolastiche,
esiste la possibilità che anche per il 2010 non sia previsto alcun finanziamento per le spese di funzionamento,
impegna il Governo:
a valutare l'opportunità di prevedere il ritiro dei tagli agli organici scolastici previsti dalla legge n. 133 del 2008 e ad attuare un piano straordinario di stabilizzazione del personale precario con la copertura di tutti i posti vacanti e disponibili, per garantire l'occupazione, la qualità e l'unitarietà del sistema scolastico pubblico nazionale.
(0/1835/4/7)
GIAMBRONE, BELISARIO, CAFORIO, CARLINO, DE TONI, LANNUTTI, LI GOTTI, MASCITELLI, PEDICA, PARDI