• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.5/01786 CONTENTO. - Al Ministro della giustizia. - Per sapere - premesso che: in merito alla pratica sugli uffici giudiziari di Bari aperta a seguito della scarcerazione di 22 imputati,...



Atto Camera

Interrogazione a risposta immediata in Commissione 5-01786 presentata da MANLIO CONTENTO
mercoledì 16 settembre 2009, seduta n.215
CONTENTO. - Al Ministro della giustizia. - Per sapere - premesso che:

in merito alla pratica sugli uffici giudiziari di Bari aperta a seguito della scarcerazione di 22 imputati, presunti boss e narcotrafficanti, per il mancato deposito della sentenza del maxiprocesso «Eclissi», da parte dell'allora gup Rosa Anna Depalo, il Consiglio superiore della magistratura ha disposto il 27 maggio 2009 l'archiviazione del fascicolo con contestuale invio degli atti al Ministro della giustizia ed al Procuratore generale della Corte di Cassazione, quali titolari dell'azione disciplinare;

nel corso dell'istruttoria condotta dalla Prima Commissione è emerso «un deficit organizzativo dell'ufficio, in particolare sotto il profilo del controllo sui tempi del deposito delle sentenze» rilevandosi come non possa «sottacersi un dato allarmante, ossia che dal luglio 2008, e cioè dalla scadenza della proroga ultima del termine per il deposito, sino al febbraio 2009, epoca in cui la dottoressa Depalo ha preso servizio presso il tribunale dei minorenni comunicando il mancato deposito delle motivazioni del processo "Eclissi", nessuno ha monitorato la situazione di ritardo nel deposito, né di quella, né di altre motivazioni dei diversi giudici, con il risultato che in tutto quel periodo non vi sono stati nei confronti del giudice Depalo, impegnata nella stesura di una motivazione che riguardava 160 persone, né atti di sollecitazione, né ulteriori provvedimenti di sgravio totali o parziali da altre assegnazioni, che in qualche modo potessero far fronte alla emergenza processuale che si stava consumando» -:

quali iniziative di competenza, in vista di un eventuale esercizio dell'azione disciplinare, abbia intrapreso il Ministro della giustizia al fine di verificare eventuali responsabilità organizzative e funzionali relative al fatto in premessa.(5-01786)