• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.5/01747 BOBBA. - Al Ministro dello sviluppo economico. - Per sapere - premesso che: Phonemedia opera nel settore delle customer operations, fondato nel 2002, nel 2004 entra attivamente nel...



Atto Camera

Interrogazione a risposta in Commissione 5-01747 presentata da LUIGI BOBBA
lunedì 14 settembre 2009, seduta n.213
BOBBA. - Al Ministro dello sviluppo economico. - Per sapere - premesso che:

Phonemedia opera nel settore delle customer operations, fondato nel 2002, nel 2004 entra attivamente nel mercato Latino Americano attraverso l'acquisizione di strutture e personale operativo in Argentina e, dopo una veloce crescita ed espansione, nel 2005, è riconosciuta come leader italiano per quanto riguarda il settore dei contact center, in particolar modo nel settore outbound;

nel 2007 e 2008 lo stesso Phonemedia, grazie ad una serie di acquisizioni di aziende di outsourcing diventa il Gruppo Phonemedia, leader nei servizi call center e di supporto alle più importanti aziende nello sviluppo e nella gestione dell'intero processo di custumer relationship marketing;

il gruppo attualmente è formato da Raf Spa, Answers Spa, WCCR Srl, Omniacall Spa, PMC Operations Srl, PMC Servizi Finanziari Srl, Multivoice Srl, Multimedia Planet Srl, B2B Srl e Soft4Web Srl;

tutte le aziende del gruppo Phonemedia attraversano una seria crisi finanziaria, che ha portato ad una dilazione del pagamento degli stipendi in due rate e, non di rado, a ripetuti ulteriori ritardi sulle scadenze promesse dall'azienda;

nel corso di diversi incontri avuti in sede aziendale, il management ha presentato un piano di risanamento e rilancio finanziario, basato essenzialmente sull'intervento bancario, che, di fatto, è stato rimandato di mese in mese;

più volte e presso diverse sedi, si sono svolti tavoli di confronto con le autorità locali, quali Provincia e Prefettura, al fine di monitorare la situazione delle singole società, senza nessun esito, in quanto all'impegno formale dell'azienda a risolvere in tempi brevi le difficoltà finanziarie, non è seguita l'ottemperanza delle promesse e il rispetto delle scadenze;

in data 29 luglio 2009, le società Europe SA e AMT Europe SA, detentrici del controllo delle aziende del Gruppo Phonemedia, e la Restform Limited, società a monte della catena di controllo della Omega Spa, hanno stipulato l'accordo con il quale si prevede che quest'ultima ottenga il completo controllo delle prime due, comportando il confluire delle società del Gruppo Phonemedia nel network di imprese della inglese Omega Spa;

in data 3 settembre 2009 le segreterie nazionali SLC-CGIL, FISTel-CISL, UILCOM-UIL hanno inviato una lettera all'attenzione del dottor Giuseppe Castano, presso la Direzione generale per la politica industriale, Dipartimento per la competitività del Ministero dello sviluppo economico, per rappresentargli la situazione e chiedere l'apertura di un tavolo di crisi presso il Ministero, ma non hanno ottenuto risposta;

in tutte le sedi italiane si stanno verificando scioperi e altre forme di agitazione a causa della difficile situazione economica a cui sono costretti i dipendenti, della mancanza di informazioni e della gestione aziendale;

il call center di Trino, in particolare, consta di circa 300 dipendenti, assunti sia a tempo indeterminato, sia determinato e sia con contratti di apprendistato e, nonostante in passato il numero di occupati fosse sensibilmente più elevato di quello attuale, da circa un anno il dato occupazionale risulta stabile;

i ritardi nel pagamento degli stipendi, per i dipendenti piemontesi e non solo, sussistono da lungo tempo e negli ultimi mesi l'azienda aveva proceduto a pagare in due tranche, rispettivamente il 10 e il 20 di ogni mese;

la situazione ulteriormente è peggiorata nell'ultimo periodo, infatti solo nel mese in corso, è stata corrisposta la seconda tranche dello stipendio di luglio;

a partire dai primi mesi del 2008, risulterebbe che i dipendenti di Trino abbiano subito ritardi anche nel versamento dei contributi previdenziali, del trattamento di fine rapporto e dei fondi esterni;

la situazione descritta turba i dipendenti in quanto ad oggi il call center di Trino lavora solamente su commesse Telecom, mentre, fino al 2008, sussisteva una maggiore differenziazione di servizi -:

se il Ministro interrogato non intenda convocare un tavolo di crisi con le aziende rientranti nel Gruppo Phonemedia, ora cedute all'Omega Spa;

se lo stesso Ministro non intenda rassicurare i dipendenti e le loro famiglie, in particolare quelli di Trino, verificando che la cessione li tuteli e garantendo sia i livelli occupazionali, sia la solvibilità della Omega Spa, considerato che, a quanto consta all'interrogante, non è stato diffuso, né presentato nessun piano industriale a riguardo. (5-01747)