• Testo della risposta

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/02682 POLLEDRI. - Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare. - Per sapere - premesso che: da alcuni anni è stato descritto l'insediamento di una piccola...



Atto Camera

Risposta scritta pubblicata martedì 21 luglio 2009
nell'allegato B della seduta n. 205
All'Interrogazione 4-02682 presentata da
MASSIMO POLLEDRI
Risposta. - Con riferimento all'atto di sindacato ispettivo in esame, dove si pone in risalto la pericolosità per la fauna selvatica nell'attraversamento stradale del fondovalle luce, in località Cavaliera, nel comune di San Lazzaro di Savena (Bologna), che spesso si tramuta nel decesso degli animali per investimento automobilistico, si rappresenta quanto segue.
Va in premessa posto in evidenza che il miglioramento delle condizioni ambientali, da un lato, e l'attività di informazione da rendere in forma ampia al fine di fornire elementi che implementino la coscienza degli abituali frequentatori della rotabile provinciale «Fondovalle Idice», dall'altra, rientrano nelle competenze locali, dunque costituiscono prerogative dell'ente Parco e degli enti locali.
Sono state assunte informazioni dalla regione Emilia Romagna, e sulla scorta di quanto comunicato, è emerso che il fenomeno degli investimenti di fauna selvatica, soprattutto di grosse dimensioni, come cinghiali, caprioli e lupi, in particolare lungo le strade provinciali delle valli dello Zena e dell'Idice, è di grossa portata, il che rappresenta un grave problema, sia sotto il profilo degli animali, che per quanto riguarda la sicurezza degli automobilisti.
Pertanto con l'obiettivo di risolverlo, il Parco regionale dei Gessi Bolognesi, in collaborazione con la Provincia di Bologna, intende presentare uno specifico progetto nell'ambito del piano di azione ambientale 2008-2010, relativamente alla conservazione della biodiversità.
Il progetto dovrebbe, appunto, prevedere la realizzazione di sottopassi per agevolare la fauna selvatica, sfruttando i passaggi già esistenti al di sotto delle strade e la sistemazione del terreno, a monte e a valle, per creare dei passaggi particolari capaci di indurre gli animali a utilizzarli.
Non appena il progetto verrà presentato alle strutture regionali competenti, sarà esaminato con la dovuta attenzione e nello spirito volto a dare risposte positive ai problemi e rischi evidenziati.

Il Sottosegretario di Stato per l'ambiente e la tutela del territorio e del mare: Roberto Menia.