• Testo INTERPELLANZA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.2/00099 [Emergenza incendi in Sardegna]



Atto Senato

Interpellanza 2-00099 presentata da GIAN PIERO SCANU
martedì 28 luglio 2009, seduta n.245

SCANU, PASSONI, CABRAS, SANNA, GASBARRI, LEGNINI, PEGORER, SOLIANI, BRUNO, DE LUCA, DELLA SETA, MAZZUCONI, MOLINARI, CARLONI, CASSON, CECCANTI, CERUTI, CHIAROMONTE, COSENTINO, DI GIOVAN PAOLO, DI GIROLAMO Leopoldo, D'UBALDO, GARAVAGLIA Mariapia, GHEDINI, INCOSTANTE, LIVI BACCI, MARCENARO, MARINARO, NEROZZI, PINOTTI, RANUCCI, ROILO, VITA - Al Presidente del Consiglio dei ministri - Premesso che:

in queste ore la Sardegna sta vivendo un'emergenza drammatica a causa degli incendi che divampano sull'isola e la devastano, provocando lutti e ingenti danni e mettendo in ginocchio intere comunità;

anche quest'anno, come in passato, l'isola è teatro di atti incendiari, dolosi o colposi, che, a causa delle temperature oltre i 40 gradi e del forte vento di scirocco, diventano micce di distruzione;

considerato che:

si pone con forza la questione dello sviluppo di adeguate politiche di prevenzione e della messa in atto di misure tempestive che, all'occasione, mobilitino più efficacemente tutti i poteri pubblici, le comunità locali e i cittadini;

si rende necessario altresì un maggior impegno del Governo regionale affinché assuma i provvedimenti eccezionali necessari a fronteggiare l'emergenza, cosicché non si ripetano ancora gli eventi luttuosi che stanno colpendo l'isola,

si chiede di sapere:

se il Governo intenda riferire, sulla base degli elementi in suo possesso, sulle eventuali cause dei roghi di questi giorni e quali iniziative urgenti intenda porre in essere per evitare il ripetersi di simili eventi in questa stagione estiva;

se il Governo, anche ai sensi dell'articolo 120 della Costituzione, intenda predisporre un piano di intervento che preveda: una intensificazione del controllo del territorio per rimediare all'isolamento di intere zone (perciò stesso esposte all'opera dei criminali incendiari) con l'incremento delle reti di avvistamento nelle campagne e riposizionandovi l'organizzazione diffusa delle diverse forze di Polizia, con opportuni servizi di pattugliamento; l'utilizzo di elicotteri a scopo di sorveglianza del territorio e di nuovi aerei per lo spegnimento del fuoco; una ripresa delle campagne di sensibilizzazione contro gli incendi organizzate già negli anni passati; un potenziamento del lavoro dell'amministrazione forestale.

(2-00099 p. a.)