• testo del ddl

link alla fonte  |  scarica il documento in PDF

Atto a cui si riferisce:
C.834 Disposizioni per l'assunzione di insegnanti di sostegno e per l'attuazione di agevolazioni in favore dei genitori, dei familiari e degli affidatari di persone con handicap



XVI LEGISLATURA
CAMERA DEI DEPUTATI

   N. 834


 

Pag. 1

PROPOSTA DI LEGGE
d'iniziativa del deputato ANGELA NAPOLI
Disposizioni per l'assunzione di insegnanti di sostegno e per l'attuazione di agevolazioni in favore dei genitori, dei familiari e degli affidatari di persone con handicap
Presentata il 7 maggio 2008


      

Onorevoli Colleghi! - La legge quadro n. 104 del 1992 per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate, di cui ci facciamo vanto a livello internazionale, risulta priva di copertura in due punti. Le disponibilità utilizzate come copertura sono esaurite e quindi si rischia di non poter garantire più a una certa categoria di cittadini quello che la legge ha promesso loro. L'articolo 13, comma 4, della legge n. 104 del 1992 stabilisce che i posti di sostegno per la scuola secondaria di secondo grado sono determinati nell'ambito dell'organico del personale in servizio alla data di entrata in vigore della legge, in modo da assicurare un rapporto almeno pari a quello previsto per gli altri gradi di istruzione e, comunque, entro i limiti delle disponibilità finanziarie allo scopo preordinate dall'articolo 42, comma 6, lettera h). Orbene, all'articolo 42, comma 6, lettera h), si prevedono: lire 19 miliardi per il 1992 e lire 38 miliardi per il 1993, per l'assunzione di personale di sostegno nelle scuole secondarie di secondo grado, previste dall'articolo 12, comma 4.
      Analogamente accade per una questione ancora più scottante. Come tutti sapete, infatti, i genitori di handicappati gravissimi, di dializzati, di malati oncologici allo stadio terminale, grazie all'articolo 33 della legge n. 104 del 1992, dovrebbero fruire di alcune agevolazioni sul posto di lavoro. Però, le varie amministrazioni e aziende chiedono il rientro di somme per la copertura di queste agevolazioni, perché la quota di bilancio per la legge n. 104 del 1992 non è più coperta.
      Con la presente proposta di legge si autorizza la spesa di 13 milioni di euro per il rifinanziamento degli interventi previsti dall'articolo 13, comma 4, e dall'articolo 33 della legge n. 104 del 1992, e successive modificazioni, e dagli articoli 33 e 42 del testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, di cui al decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, e successive modificazioni.
 

Pag. 2


PROPOSTA DI LEGGE
Art. 1.

      1. È autorizzata la spesa di 13 milioni di euro per ciascuno degli anni 2008, 2009 e 2010, per le seguenti finalità:

          a) 2,6 milioni di euro per ciascuno degli anni 2008, 2009 e 2010 per l'assunzione di personale docente di sostegno agli alunni con handicap nelle scuole secondarie di secondo grado, prevista dall'articolo 13, comma 4, della legge 5 febbraio 1992, n. 104;

          b) 10,4 milioni di euro per ciascuno degli anni 2008, 2009 e 2010 per le agevolazioni alle lavoratrici e ai lavoratori genitori, familiari o affidatari di minore con handicap in situazione di gravità accertata, previste dall'articolo 33 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, e successive modificazioni, e dagli articoli 33 e 42 del testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, di cui al decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, e successive modificazioni.

      2. All'onere derivante dall'attuazione del comma 1 si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 2008-2010, nell'ambito del fondo speciale di parte corrente dello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze per l'anno 2008, allo scopo parzialmente utilizzando l'accantonamento relativo al Ministero della salute.
      3. Il Ministro dell'economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.