• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.3/00484 CIOCCHETTI, ANNA TERESA FORMISANO e DIONISI. - Al Ministro dello sviluppo economico, al Ministro dell'interno. - Per sapere - premesso che: secondo il Centro Studi di Confcommercio,...



Atto Camera

Interrogazione a risposta orale 3-00484 presentata da LUCIANO CIOCCHETTI
lunedì 20 aprile 2009, seduta n.162
CIOCCHETTI, ANNA TERESA FORMISANO e DIONISI. - Al Ministro dello sviluppo economico, al Ministro dell'interno. - Per sapere - premesso che:

secondo il Centro Studi di Confcommercio, la regione Lazio nell'anno 2008 ha raggiunto il primo posto in Italia, per numero di prodotti contraffatti o non a norma, con un fatturato intorno agli 800 milioni di euro (alimentare escluso);

la Guardia di Finanza ha sequestrato lo scorso anno, trentuno milioni di prodotti, di cui 29 milioni di prodotti contraffatti e il resto non a norma; mentre Roma raggiunge la pole position a livello nazionale con 29,5 milioni di articoli intercettati nel 2008 dalle Fiamme Gialle;

nonostante le azioni di contrasto alla contraffazione siano aumentate nella capitale, per effetto della firma lo scorso luglio, del «Patto per Roma sicura», il fenomeno non sembra diminuire, infatti, nel 2008 il Comando provinciale della Guardia di Finanza di Roma ha sequestrato oltre 21 milioni di prodotti elettronici, cifra cresciuta di venti volte rispetto al 2007;

la Guardia di Finanza ha dedicato ingenti risorse, specie nella capitale, per il contrasto a contraffazione, pirateria e vendita di prodotti non sicuri, registrando nell'area romana importanti insediamenti di prodotti illeciti, destinati ad essere immessi non solo sul mercato del Lazio, ma anche in molte altre regioni;

le indagini hanno dimostrato che, nel mercato dei prodotti econtraffatti o non a norma e in quello della pirateria, sono coinvolte organizzazioni criminali capaci di gestire l'intera filiera -:

quali urgenti iniziative intenda intraprendere, per debellare il fenomeno elencato in premessa e gestito da organizzazioni criminali;

se non ritenga di adottare ulteriori misure a sostegno del made in Italy e contro la contraffazione di prodotti, in generale in tutta Italia e nello specifico nel Lazio e nella capitale, dove il mercato dell'illegalità raggiunge i picchi più elevati.
(3-00484)