• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/02769 GRIMOLDI, FUGATTI, ALLASIA e CONSIGLIO. - Al Ministro dell'interno. - Per sapere - premesso che: una inchiesta giornalistica condotta dalla rivista «Noi Avvenire», pubblicazione...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-02769 presentata da PAOLO GRIMOLDI
martedì 7 aprile 2009, seduta n.160
GRIMOLDI, FUGATTI, ALLASIA e CONSIGLIO. - Al Ministro dell'interno. - Per sapere - premesso che:

una inchiesta giornalistica condotta dalla rivista «Noi Avvenire», pubblicazione supplemento del quotidiano Avvenire, ha esaminato il fenomeno della diffusione nel nostro Paese del fenomeno delle sette religiose, dell'occultismo, delle nuove religioni e della magia;

in tutto il mondo la secolarizzazione delle tre grandi religioni monoteiste ha fatto sì che nel giro di diversi anni si affermasse una cultura gnostica ed esoterica con derive che affondano le sue radici nell'occultismo e nel satanismo;

la mancanza di riferimenti valoriali nelle nuove generazioni ha permesso uno sviluppo rapido delle pratiche occultistiche e la diffusione di nuove religioni che possono essere inquadrate in termini generici e semplicistici all'interno dell'area pseudo culturale denominata new age;

una delle sette che ha avuto maggiore crescita negli ultimi anni è Scientology fondata da L. Ron Hubbard, già membro della setta del satanista Aleister Crowley, nel 1954. Secondo fonti interne, conterebbe otto milioni di praticanti in tutto il mondo;

in Europa la tendenza generale è quella di considerare scientology una «organizzazione», un «movimento», un «culto», una «setta», ma non una «chiesa» nella comune accezione del termine;

i governi di Svizzera (Rapporto della Commissione Consultiva della Sicurezza dello Stato, luglio 1998). Germania (Rapporto Jaschke del 1995 e Cosiddette Sette e Psicogruppi, rapporto finale presentato al Governo dal Parlamento Tedesco, giugno 1998) e Belgio definiscono ufficialmente Scientology come un culto totalitario. In Germania, in particolare, nel dicembre del 2007, il ministro dell'interno tedesco Wolfgang Schauble e i responsabili dell'interno dei 16 stati federali hanno concordato di «non considerare Scientology un'organizzazione compatibile con la costituzione» aprendo quindi la strada per una possibile messa al bando dell'organizzazione. In Francia, un documento parlamentare (Rapporto Guyard prodotto nel 1995) ha classificato la chiesa come un culto pericoloso; in Gran Bretagna, Scientology non raggiunge gli standard legali per essere considerata una religione. In Grecia un'inchiesta partita nel 1995 ha portato alla condanna in tribunale e conseguente smantellamento dell'organizzazione avvenuto nel gennaio 1997;

anche nel nostro Paese a più riprese per gli onerosi corsi offerti ai suoi fedeli (necessari per evolversi su un grado più alto di conoscenza e di valore intrinseco), scientology è stata spesso accusata e a volte condannata anche per maltrattamenti minorili, ricatti ed estorsioni, minacce ed evasioni fiscali;

scientology arrivò in Italia nel 1974 con la fondazione del primo «Hubbard Dianetics Institute». Con i primi seguaci arrivarono anche le prime polemiche. Sin dall'inizio infatti i vari centri di dianetica furono oggetto di esposti ed indagini di varie preture d'Italia per reati di truffa, violazione valutaria, associazione a delinquere, esercizio abusivo della professione medica, circonvenzione di incapaci, violazioni delle leggi che disciplinano il rapporto di lavoro. Alla metà degli anni ottanta Scientology fu quindi al centro di una monumentale inchiesta giudiziaria che si concluse con il rinvio a giudizio, nel 1988, di 140 operatori dei suoi centri, ormai diffusi su quasi tutto il territorio nazionale. Le imputazioni spaziavano dalla circonvenzione di incapace all'abuso della professione medica, fino all'associazione per delinquere. Il procedimento, che per 12 anni vide alternarsi pesanti condanne dei giudici di merito e annullamenti dalla Corte di Cassazione, si concluse in via definitiva nel 2000. I vertici furono assolti dall'imputazione di associazione per delinquere, ma furono mantenute alcune condanne per circonvenzione di incapace e abuso della professione medica. Del 1989, ribadita, dopo un annullamento con rinvio della Corte di Cassazione, dalla Corte di Appello di Bologna nel 1993 (N. 2011 R. Sent. N. 1371/92-p R. Gen), la condanna del Pretore di Modena per truffa e abuso della professione medica in merito al cosiddetto «Purification Rundown» o programma di purificazione, ancora commercializzato sia dalla Chiesa di Scientology che dal suo ente associato Narconon. Nel novembre del 2004 il Tribunale di Cagliari condanna (N. 1555/2003 RG. TRIB. N. 25/1999 R.N.R.) un dirigente della locale chiesa di Scientology a 4 anni e 6 mesi di reclusione per il reato di estorsione, nel dettaglio il dirigente è stato condannato: perché, anche in concorso con altre persone non identificate, con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, mediante minacce, costringeva ripetutamente De R. a consegnargli varie somme di danaro in contanti per un ammontare complessivo di circa cento milioni di lire, così procurandosi l'ingiusto profitto della predetta somma, con pari danno della persona offesa. Minacce consistite: nel prospettare la morte della persona offesa e dei suoi genitori; nel prospettare rivelazioni su particolari intimi della vittima appresi nell'ambito dell'associazione «Missione Chiesa di Scientology» di Cagliari frequentata dalla vittima (e di cui il Ca. era dirigente);
la chiesa di scientology non è certamente l'unico fenomeno presente nel nostro Paese diverse sono infatti le sette che attraverso la manipolazione mentale cercano di fare proselitismo per scopi utilitaristici e per diffondere una cultura occultistica;

è molto preoccupante anche la crescita esponenziale dei cittadini che si rivolgono direttamente a maghi e ciarlatani per cercare risposte semplici alle problematiche della vita quotidiana;

i facili guadagni e la conquista repentina e duratura della felicità sono gli «specchietti per le allodole» utilizzati per fare proselitismo da parte di queste organizzazioni gnostiche esoteriche e da parte di questi pseudo santoni e maghi;

in questo periodo di grave crisi economica internazionale che ha investito pesantemente il nostro Paese vi è il rischio di un ricorso sempre più preponderante da parte dei cittadini alla ricerca di soluzioni semplici -:

quali iniziative il ministro interrogato intenda adottare al fine di contrastare la diffusione del fenomeno descritto in premessa.(4-02769)