• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/02749 [Crisi dei cantieri navali di Marina di Carrara]
LEGGI ANCHE IL TESTO DELLA RISPOSTA ALL'INTERROGAZIONE
Testo della risposta scritta



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-02749 presentata da NEDO LORENZO POLI
lunedì 6 aprile 2009, seduta n.159
POLI. - Al Ministro dello sviluppo economico. - Per sapere - premesso che:

i «Nuovi Cantieri Apuania» di Marina di Carrara sono considerati all'avanguardia nella costruzione di navi di grande tonnellaggio, tanto da aver ricevuto recentemente l'apprezzamento per la propria attività anche dal Ministro Altero Matteoli, il quale in occasione del varo dell'ultima nave costruita, ha definito l'azienda «motivo di orgoglio per tutto il Paese»;

i Nuovi Cantieri Apuania, essendo un'azienda che non è in stato di crisi né economica né finanziaria, rappresentano non solo un'importante e strategico sito produttivo ed occupazionale ma, la loro attività si inserisce in maniera armonica anche in una possibile ed auspicabile prospettiva di sviluppo del trasporto marittimo integrato;

la forza lavoro occupata dai Nuovi Cantieri Apuania, compresa quella relativa alle ditte appaltatrici che svolgono la propria attività all'interno dei Cantieri stessi, è pari a circa 800 dipendenti, ai quali è necessario aggiungere la forza lavoro dell'indotto che un grande cantiere muove;

la perdita di tale importante sito produttivo determinerebbe una grave situazione economica con inevitabili ripercussioni sul tessuto sociale della provincia di Massa Carrara e dell'intero territorio della Regione Toscana;

l'attuale proprietà dei Cantieri, interamente pubblica, ha attivato una procedura di vendita senza aver definito con chiarezza il necessario percorso istituzionale per giungere alla formalizzazione della vendita stessa -:

se non ritenga opportuno convocare quanto prima un «tavolo istituzionale» con i rappresentati di tutti gli enti locali interessati, delle autorità portuali e delle associazioni sindacali dell'intero territorio con l'obiettivo di predisporre un percorso di alienazione per garantire la necessaria serenità ai lavoratori dell'azienda e all'intero indotto del territorio. (4-02749)