• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.9/02187-A/120 premesso che:il regime delle quote latte si applica al latte che esce da una azienda agricola, ma anche ai prodotti lattiero-caseari che escono sempre da una azienda agricola (in pratica le...



Atto Camera

Ordine del Giorno 9/2187-A/120 presentato da DOMENICO SCILIPOTI testo di giovedì 2 aprile 2009, seduta n.158

La Camera,
premesso che:
il regime delle quote latte si applica al latte che esce da una azienda agricola, ma anche ai prodotti lattiero-caseari che escono sempre da una azienda agricola (in pratica le aziende agricole che trasformano direttamente i prodotti) anche i prodotti trasformati nelle aziende agricole sono assoggettati ad una multa se viene superato un certo quantitativo di latte, che lo Stato ha assegnato al produttore;
il metodo di assegnazione che l'Unione europea ha scelto, è quello dell'equivalenza latte. Quindi, invece di assegnare ad ogni produttore trasformatore ad esempio un quantitativo di parmigiano, piuttosto che di taleggio, l'Unione europea, e di conseguenza lo Stato italiano, hanno assegnato ad ogni produttore semplicemente un quantitativo di latte;
con l'introduzione del concetto di equivalenza si è risolto il problema di dover affidare ad ogni produttore una quota di produzione di ogni formaggio;
il problema è: a che cosa deve essere equivalente questo latte di cui si parla nei regolamenti dell'Unione europea;
nel regolamento CE 1788/03 è stabilito per l'Italia che il tenore di grasso di 1 chilogrammo è equivalente 36,88 grammi di latte;
bisogna capire, leggendo i regolamenti comunitari, che i formaggi vanno trasformati sulla base del loro tenore di grasso e secco in equivalente latte, tenendo conto che il tenore di grasso medio italiano è di 36,88 per chilogrammo di latte;
al Ministero delle politiche agricole, questo passaggio non l'hanno considerato tant'è vero che hanno interpretato i regolamenti comunitari nel senso che il latte equivalente in pratica equivale a sé stesso cioè a quello che si usa per fare un chilogrammo di formaggio, anche se questo non corrisponde a 36,88 grammi di grasso;
da tale fatto potrebbe emergere un minor sforamento della quota di produzione italiana, che ha dato luogo a multe per 4,3 miliardi di euro;
è legittimo il sospetto che il commercio delle quote latte abbia dato luogo a possibili comportamenti illeciti di singoli, associazioni e persino della criminalità organizzata in presenza di controlli inadeguati da parte del Ministero e di AGEA,

impegna il Governo

ad adottare le opportune iniziative al fine di avviare un'inchiesta interna sul comportamento degli uffici del Ministero delle politiche agricole e di AGEA, in particolare con riferimento alla bontà dei dati utilizzati, riferendo al Parlamento entro sei mesi.
9/2187-A/120.Scilipoti.