• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.9/01334/001 [Sui massacri in atto in Congo - Kivu]



Atto Senato

Ordine del Giorno 9/1334/1 presentato da ALBERTINA SOLIANI
mercoledì 18 febbraio 2009, seduta n.153

Il Senato,
premesso che:
si osserva con crescente preoccupazione l'evolversi della crisi in atto nella provincia orientale del Congo nota come Kivu settentrionale, dove si sta sviluppando una nuova fase del conflitto regionale in atto da quindici anni tra milizie hutu e tutsi, le une sostenute dal Governo centrale di Kinshasa, le altre da formazioni ribelli variamente collegate a soggetti politico-militari operanti nel confinante Ruanda;
è da sottolineare l'inefficacia dimostrata finora dalla missione Onu, nota come Monuc, che pure dispone di oltre 16.500 effettivi, ma che risulta paralizzata dal fatto di non essere distribuita bene sul territorio;
come denunciato dall'organizzazione umanitaria "Medici senza frontiere", nel suo rapporto annuale, la tragedia del Congo ha il triste primato di una delle crisi più ignorate del globo, di fronte alla quale la comunità internazionale appare impotente;
Amnesty International ha chiesto un impegno più forte del Consiglio di Sicurezza Onu per porre fine alle violazioni dei diritti umani e del diritto umanitario nella Repubblica Democratica del Congo;
è reale il rischio che la già drammatica situazione della regione orientale della Repubblica Democratica del Congo si trasformi in una catastrofe umanitaria se la forza di peacekeeping delle Nazioni Unite (Monuc) non riceverà rinforzi adeguati per la protezione dei civili;
da tempo si registrano gravi atti di violenza, saccheggi, stupri, omicidi e violazioni dei diritti umani da parte dei soldati dell'esercito a danno del civili. E negli ultimi tempi la situazione è peggiorata ulteriormente,
impegna il Governo:
a prendere parte attiva agli sforzi della diplomazia internazionale volti a fermare i massacri in atto nel Kivu settentrionale, anche in vista di un eventuale intervento promosso dai Paesi dell'Unione europea, autorizzando a tal fine una spesa adeguata nell'ambito degli stanziamenti previsti per gli interventi di cooperazione allo sviluppo.
(numerazione resoconto Senato G100)
(9/1334/1)
SOLIANI, MARCENARO