• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.4/01087 D'ALIA - Ai Ministri dell'economia e delle finanze e per la pubblica amministrazione e l'innovazione - Premesso che: il decreto legislativo n. 300, del 30 luglio del 1999, finalizzato al...
LEGGI ANCHE IL TESTO DELLA RISPOSTA ALL'INTERROGAZIONE
Testo della risposta scritta



Atto Senato

Interrogazione a risposta scritta 4-01087 presentata da GIANPIERO D'ALIA
mercoledì 4 febbraio 2009, seduta n.141

D'ALIA - Ai Ministri dell'economia e delle finanze e per la pubblica amministrazione e l'innovazione - Premesso che:

il decreto legislativo n. 300, del 30 luglio del 1999, finalizzato al riordino della organizzazione delle amministrazioni centrali dello Stato a seguito della delega di cui all'articolo 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59, ha operato un intervento di rilevante impatto sull'amministrazione finanziaria con l'introduzione di quattro agenzie fiscali (entrate, territorio, dogane e demanio);

il capo II, titolo V, del citato decreto legislativo ha dettato regole certe, chiare ed inequivocabili riguardo all'articolazione degli uffici, all'organizzazione ed al funzionamento delle medesime agenzie;

la configurazione delle agenzie come enti strumentali di strutture ministeriali, e la conseguente gestione "privatistica" delle stesse, non comporta l'uso indiscriminato e discrezionale della gestione delle risorse umane, rientrando le stesse nella disciplina prevista per le amministrazioni statali così come risulta dall'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 165 del 2001;

per particolari esigenze di servizio, le agenzie possono stipulare, previa specifica valutazione comparativa delle idoneità a ricoprire provvisoriamente l'incarico, contratti individuali di lavoro a termine con propri funzionari, con l'obbligo di avviare rapidamente le procedure concorsuali;

l'opportunità di procedere alla stipula di contratti per il conferimento di incarichi che comportino avanzamenti di carriera, secondo un consolidato orientamento della giurisprudenza del Consiglio di Stato deve rispondere a principi e regole certe, "onde evitare disparità di trattamento tra lavoratori anche laddove il dirigente opera con gli strumenti del datore di lavoro privato, valendo un diverso principio nell'impiego privato, nel quale il datore di lavoro, quando dispone lo svolgimento di mansioni superiori e se ne avvale, dispone del proprio";

in particolare, per quanto riguarda l'Agenzia del territorio, a quanto consta all'interrogante, si registrano anomalie procedurali nell'assegnazione di incarichi a personale direttivo e dirigente, effettuati in difformità a norme regolamentari o di legge, sulla base di accordi stipulati con il Direttore del personale e le organizzazioni sindacali rappresentative;

ugualmente arbitrari appaiono i conferimenti di posizioni organizzative al personale direttivo, con conseguenti ingiustificati avanzamenti di carriera di personale riqualificato diplomato a scapito di personale direttivo laureato, in virtù di decisioni non supportate da valutazioni di merito,

si chiede di sapere:

se risulta ai Ministri in indirizzo, ciascuno per quanto di propria competenza, che la Direzione centrale dell'Agenzia del territorio abbia conferito eventuali incarichi, anche ad interim,omettendo qualsivoglia valutazione comparativa e senza tenere in debita considerazione le conseguenze in termini economici e di rendimento di tale decisione;

se corrisponda al vero che l'incarico di capo reparto di II fascia è stato attribuito ad interim ad un funzionario direttivo già titolare nella regione Liguria di incarico dirigenziale;

se corrisponda al vero che gli incarichi di livello dirigenziale così come le posizioni organizzative vengono attribuiti solo sulla base di accordi sindacali tra la direzione del personale e le organizzazioni sindacali, contravvenendo ai principi dettati in materia dalle norme di legge vigenti, con danno per l'erario e per l'immagine di imparzialità e trasparenza dei pubblici uffici;

in caso affermativo, cosa intendano fare per eliminare tutte le situazioni di evidente illegittimità denunciate.

(4-01087)