• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.9/01260/013 premesso che: la legge finanziaria per il 2009 ha previsto una riduzione dei fondi per le politiche abitative, in una fase in cui l'emergenza sfratti è aggravata dalla...



Atto Senato

Ordine del Giorno 9/1260/13 presentato da GIACINTO RUSSO
martedì 16 dicembre 2008, seduta n.115

Il Senato,
premesso che:
la legge finanziaria per il 2009 ha previsto una riduzione dei fondi per le politiche abitative, in una fase in cui l'emergenza sfratti è aggravata dalla crisi economico-finanziaria in atto;
il nostro paese destina alle politiche di sostegno alla domanda sociale solo l'uno per cento della spesa sociale complessiva: una quota tra le più basse in Europa. Il primato è del Regno Unito, dove la spesa per l'housing rappresenta il 5,6 per cento della spesa sociale, seguono a distanza Irlanda (3,2 per cento) e Francia (2,9 per cento);
con riferimento al quadro europeo ed al funzionamento dell'edilizia residenziale pubblica, in Germania, con un reddito mensile di 1750 euro è possibile accedere ad un alloggio popolare tra gli 11,6 milioni disponibili. In Gran Bretagna sono presenti 5,4 milioni di case popolari, in Francia 5 milioni mentre in Italia sono solo 1,5 milioni i cosiddetti «alloggi sociali», che comprendono sia l'edilizia agevolata che quella sovvenzionata;
l'articolo 21 del decreto-legge n. 159 del 2007 ha stanziato 700 milioni di euro da finalizzare all'emergenza abitativa, di cui 550 milioni destinati per il 30 per cento alle nuove costruzioni, per il 20 per cento all'acquisto e per il 50 per cento alla manutenzione e recupero dei nuclei a rischio di sfratto, mentre i restanti 150 milioni destinati a promuovere, attraverso l'Agenzia del demanio, gli strumenti misti che permettono l'acquisto, il recupero e la ristrutturazione di immobili pubblici;
impegna il Governo:
ad valutare l'opportunità di adottare, in accordo con le Regioni e le autonomie locali e nel rispetto delle rispettive competenze, ulteriori interventi coordinati atti a far fronte su scala pluriennale alle emergenze relative alla domanda abitativa ed a valutando, in particolare, la promozione di iniziative volte a favorire la locazione per le famiglie e i cittadini a basso reddito , il passaggio da casa a casa, nonché la possibilità di adottare ulteriori misure di detrazione fiscale per i soggetti titolari di contratti di locazione di unità immobiliari adibite ad abitazione principale;
a valutare l'opportunità di adottare idonee iniziative volte al potenziamento di misure economiche già previste dalla legislazione vigente, con particolare riferimento ad un adeguato finanziamento del Fondo nazionale per il sostegno all'accesso alle abitazioni in locazione, provvedendo altresì all'attuazione del programma straordinario di cui all'articolo 21-bis del decreto-legge 10 ottobre 2007, n. 159, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 novembre 2007, n. 222;
a valutare l'opportunità , d'intesa con le regioni e gli enti locali, di adottare misure rivolte alla manutenzione e al recupero degli alloggi pubblici in degrado e inutilizzati, vigilando altresì sul rispetto degli impegni di destinazione di specifiche quote delle unità abitative da costruire alla utilizzazione come abitazioni da locare a canone agevolato.
(numerazione resoconto Senato G112)
(9/1260/13)
RUSSO, BELISARIO, ASTORE, BUGNANO, DE TONI, CAFORIO, CARLINO, DI NARDO, GIAMBRONE, LANNUTTI, LI GOTTI, MASCITELLI, PARDI, PEDICA