• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/01833 LO MONTE, BELCASTRO, COMMERCIO, IANNACCONE, LATTERI, LOMBARDO, MILO e SARDELLI. - Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. - Per sapere - premesso che: l'articolo 26 del...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-01833 presentata da CARMELO LO MONTE
venerdì 5 dicembre 2008, seduta n.099
LO MONTE, BELCASTRO, COMMERCIO, IANNACCONE, LATTERI, LOMBARDO, MILO e SARDELLI. - Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti. - Per sapere - premesso che:

l'articolo 26 del decreto-legge n. 185 del 28 novembre 2008, cosiddetto «anticrisi», interviene sulle procedure di privatizzazione della Società Tirrenia di navigazione spa e delle società ad essa collegate. In particolare ha stabilito:

una proroga di un anno delle convenzioni statali, che sono state assegnate al gruppo senza gara e la cui scadenza era stata prevista al 31 dicembre di quest'anno;

che vengano stipulate le convenzioni per assicurare i collegamenti marittimi essenziali, autorizzando una spesa di 65 milioni di euro per gli anni 2009, 2010 e 2011;

l'abrogazione della norma che consentiva alle regioni di richiedere la gestione delle società collegate alla Tirrenia (Siremar, Caremar, Saremar e Toremar), che curavano i trasporti con le isole minori;

l'abrogazione delle disposizioni che consentivano alle regioni di affidare i servizi di piccolo cabotaggio a società di capitali da esse interamente partecipate secondo le modalità stabilite dalle norme comunitarie;


la modifica dell'articolo 26 è stata adottata per uniformarsi alle indicazioni della Commissione europea, che punta alla privatizzazione del 100 per cento di Tirrenia (società collegate comprese) e che ne sollecita l'attuazione (indiscrezioni preannunciano una lettera dalla Commissione con richiesta di chiarimenti);


per tale motivo, le incertezze insorte in vigenza della normativa modificata con il soprarichiamato articolo 26 del cosiddetto decreto-legge «anticrisi», non vengono risolte. Infatti dubbi non indifferenti restano rispetto al cosiddetto principio della continuità territoriale, trattandosi sostanzialmente di servizi pubblici locali;


la privatizzazione infatti del complesso della Società Tirrenia Spa, in realtà potrebbe far sì che le rotte meno remunerative sarebbero cancellate. Saremmo in presenza cioè di un secondo caso Alitalia, dove, oltre a ridurre il numero dei voli, sono stati fortemente ridimensionati alcuni scali aeroportuali. Il tutto con grave e negativa ricaduta per i cittadini e per il turismo;


quali e quante corse saranno assicurate da e per le isole minori se la privatizzazione delle compagnie regionali garantirà gli attuali standard del servizio se i cittadini delle isole minori, che già vivono una condizione di forte scomodità, con la ovvia riduzione dei collegamenti non subiranno ulteriori disagi la certa riduzione dei collegamenti da e per le isole minori causerà danni al turismo, peraltro già in crisi a causa dell'attuale negativa congiuntura economica, vanificando anche lo sforzo portato avanti per destagionalizzarlo -:


quali iniziative il Ministro interpellato abbia intenzione di intraprendere al fine di verificare quali procedure siano in corso in ordine alla privatizzazione della Tirrenia e quali risposte si intendono dare ai disagi provocati ai cittadini delle isole minori e al comparto del turismo.
(4-01833)