• Testo della risposta

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.4/00500 DONAGGIO - Al Ministro delle infrastrutture e trasporti - Premesso che: a giudizio dell'interrogante, il Ministro ha fornito, con doc. 0007236 del 16 luglio 2008, risposte solo parziali o...



Atto Senato

Risposta scritta pubblicata nel fascicolo n. 016
all'Interrogazione 4-00500 presentata da
DONAGGIO

        Risposta. - I lavori per la realizzazione del passante autostradale di Mestre sono attualmente in corso e il loro avanzamento ha superato l'80% del totale delle opere.

        Il programma dei lavori prevede il completamento delle opere relative all'asse principale nella direzione Milano-Trieste e viceversa entro il corrente anno 2008 mentre il completamento delle opere e dei caselli intermedi di Spine e Preganziol è previsto entro novembre 2009.
        Per quanto riguarda il nodo autostradale di Dolo, va precisato che l'apertura del casello provvisorio di Mirano-Vetrego in luogo di quello di Dolo-Mirano si è resa necessaria per evitare di dover realizzare velocemente subito la nuova barriera di Venezia Ovest in presenza del traffico che oggi grava sulla tratta autostradale Padova-Mestre (circa 80.000- 90.000 veicoli al giorno).
        Infatti, al fine di contenere i disagi per la circolazione autostradale ed i possibili effetti di conseguente congestione sulla viabilità ordinaria dell'area interessata, si è optato per realizzare i lavori della barriera di Venezia Ovest - comprensivi del tunnel di servizio di barriera che dovrà sottopassare l'intera carreggiata autostradale - solo ad avvenuta apertura al traffico del passante autostradale di Mestre.
        Nella configurazione definitiva resta comunque confermata l'originale realizzazione progettuale con la liberalizzazione della tratta autostradale di Dolo-Villabona ed i nuovi accessi all'asse liberalizzato di Mirano-Vetrego e Mira-Oriamo. Si fa presente che per i suddetti accessi il traffico di Villabona risulterà esente da pedaggio a far data dall'apertura del passante autostradale di Mestre.
        Infine, per quanto riguarda il personale attualmente in servizio presso la società Autostrade di Venezia e Padova S.p.A., si conferma che nella bozza di convenzione attualmente in discussione fra le società ANAS e Concessioni autostradali venete (CAV) è previsto che la società CAV si impegnerà ad assumere, secondo le effettive esigenze operative, il personale dipendente della società Autostrade di Venezia e Padova S.p.A. allo scopo di garantire il mantenimento dei livelli occupazionali.

Il Ministro delle infrastrutture e trasporti

Matteoli