• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/01769 MILO. - Al Ministro della giustizia. - Per sapere - premesso che: presso la sezione lavoro e previdenza del Tribunale di Nola, si è tenuta l'assemblea degli avvocati...



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-01769 presentata da ANTONIO MILO
lunedì 1 dicembre 2008, seduta n.095
MILO. - Al Ministro della giustizia. - Per sapere - premesso che:

presso la sezione lavoro e previdenza del Tribunale di Nola, si è tenuta l'assemblea degli avvocati previdenzialisti e lavoristi del foro di Nola con all'ordine del giorno l'esame della situazione gravissima in cui versa la sezione stessa a causa dell'ormai cronica carenza di magistrati di ruolo;

l'assemblea ha posto l'attenzione sull'attuale situazione in cui versa il Tribunale di Nola, sez. lavoro e previdenza, dove prestano servizio n. 6 magistrati di ruolo a fronte di 27.315 procedimenti pendenti sul ruolo (circa 4.500 fascicoli per ogni magistrato) ed un bacino di utenza che comprende 34 comuni;

l'attività del Tribunale di Nola presenta, nel periodo 2003/2007, a fronte di 19.187 sentenze emesse, 24.778 giudizi transatti o cancellati. Ciò è dovuto al fatto che molti ricorrenti, date le difficoltà operative della sezione, muoiono nelle more del giudizio con la conseguenza che gli eredi rinunciano alle procedure oppure preferiscono optare per una transazione anziché affrontare un procedimento lungo ed estenuante;

a Nola non è mai stata creata una vera sezione previdenza e lavoro e tale omissione ha determinato l'assenza di un presidente di sezione che avrebbe potuto organizzare e coordinare l'attività della magistratura in ruolo e contestualmente sensibilizzare i competenti organi alla risoluzione delle difficoltà che di volta in volta si sono presentate;

nella sezione lavoro e previdenza di tale tribunale si assiste ad una periodica sospensione del corso della giustizia, determinata soprattutto dall'impossibilità di gestione di un carico di lavoro di tali proporzioni anche a carico del personale impiegatizio e dalla mancata sostituzione dei giudici assenti;

infatti dei sei giudici attualmente in ruolo, due sono in maternità e non sono state sostituite, di conseguenza le cause iscritte nel loro ruolo subiscono un rinvio di oltre un anno; due hanno inoltrato domanda di trasferimento ed in tal senso non si ha notizia da parte del Ministero di un'eventuale sostituzione del ruolo. Se ciò avvenisse i giudici in ruolo rischierebbero di rimanere in quattro con un carico di lavoro che si aggira intorno alle 7.000 cause ciascuno;

per le ragioni esposte i processi subiscono rinvii a volte sino a due anni, inoltre gli stessi magistrati, operando in stato di emergenza, appena possono fanno richiesta di trasferimento, il che determina ulteriori difficoltà operative che inevitabilmente si ripercuotono sui cittadini che attendono la definizione dei procedimenti giudiziari;

le stesse istanze di scardinamento e di anticipazione delle udienze per i casi più gravi, vengono costantemente rigettate con la motivazione de «il carico del ruolo» -:

quali iniziative il Ministro interrogato intenda adottare al fine di dotare la sezione lavoro e previdenza del Tribunale di Nola di un numero di magistrati in grado di assicurare un normale svolgimento dei processi e quali iniziative intenda assumere per istituire la sezione lavoro e previdenza presso il suddetto tribunale dotandola del relativo presidente, del personale e delle risorse per operare.
(4-01769)