• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/00150 PICCHI. - Al Ministro degli affari esteri, al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca. - Per sapere - premesso che: la diffusione della lingua e...
LEGGI ANCHE IL TESTO DELLA RISPOSTA ALL'INTERROGAZIONE
Testo della risposta scritta




Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-00150
presentata da
GUGLIELMO PICCHI
mercoledì 21 maggio 2008 nella seduta n.007

PICCHI. - Al Ministro degli affari esteri, al Ministro dell'istruzione, dell'università e della ricerca. - Per sapere - premesso che:

la diffusione della lingua e della cultura italiana nel mondo è una priorità per il nostro paese più volte ribadita dal Parlamento e gli istituti italiani di cultura, la società Dante Alighieri sono da sempre il veicolo principale per raggiungere questa finalità insieme alle scuole italiane all'estero, che però da troppo tempo svolgono un lavoro non coordinato e soffrono di cronica mancanza di risorse;

in particolare si apprende dalla stampa che la scuola Italo Svevo di Colonia in Germania ha presentato domanda di insolvenza a causa dell'impossibilità di pagare gli affitti dell'immobile che la ospita, nonostante i contributi statali ricevuti;

inoltre nel corso di una visita dell'interrogante alla scuola italo-tedesca di Wolfsburg, Germania avvenuta l'8 maggio 2008, è emerso che l'attuale Deutsche-Italienische Gesamtschule sarà accorpata ad un'altra scuola tedesca, trasferita di sede e si chiamerà Leonardo da Vinci, ed è quindi necessario rinnovare il protocollo che regola l'offerta didattica della scuola e il contributo in termini di risorse di ciascuna parte tra Italia e Land della Bassa Sassonia. La città di Wolfsburg e il Land della Bassa Sassonia sono molto disponibili ma vorrebbero un maggior coinvolgimento delle istituzioni italiane anche a causa di parziali inadempimenti da parte italiana rispetto al protocollo attualmente in vigore che regola il funzionamento della scuola;

presso la Scuola europea Monaco di Baviera sono giacenti oltre due milioni di euro di crediti che lo Stato italiano e varie amministrazioni pubbliche non esigono, risorse che potrebbero essere reinvestite per il potenziamento delle scuole italiane all'estero;

infine la comunità italiana di Londra esprime la necessità della presenza di una scuola anglo-italiana che richiede un maggior coinvolgimento istituzionale italiano presso le istituzioni inglesi -:

quali iniziative siano già state intraprese per intervenire per la scuola Italo Svevo di Colonia e verificare la corretta gestione dei contributi ministeriali da parte dell'ente gestore;

che cosa si intenda fare per sviluppare il protocollo per il funzionamento della nuova scuola italo-tedesca di Wolfsburg e quali risorse vi si intenda destinare;

se e cosa sia stato fatto per recuperare il credito vantato dalla Stato italiano nei confronti della Scuola europea di Monaco di Baviera e come intenda usare le risorse così ottenute;

se si intenda intervenire per sostenere istituzionalmente la nascita di una scuola italiana a Londra;

se non sia opportuno riformare nel suo complesso l'offerta culturale e linguistica del nostro Paese e in particolare le scuole italiane nel mondo. (4-00150)