• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA ORALE

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.3/00033 sul rinnovo di una convenzione stipulata tra il Ministero della pubblica istruzione ed una associazione educativa in provincia di Mantova




Atto Senato

Interrogazione a risposta orale 3-00033
presentata da
IRENE ADERENTI
giovedì 29 maggio 2008 nella seduta n.011

ADERENTI, PITTONI - Al Ministro dell'istruzione, università e ricerca - Premesso che:

l'associazione "Casa del Sole" opera da circa 40 anni nel settore socio-sanitario, offrendo una gamma di servizi volti alla riabilitazione e scolarizzazione di bambini cerebropatici con "difficoltà di apprendimento" medio-gravi e autistici;

nel "Centro diurno" di San Silvestro (Mantova) funzionano: sei sezioni di scuola dell'infanzia paritaria (composte da 21 alunni); dieci classi di scuola primaria paritaria (composte da 53 alunni); otto classi di scuola primaria statale (composte da 32 alunni);

l'intervento educativo-scolastico si realizza, pur all'interno di un gruppo-classe, secondo percorsi personalizzati, attraverso una metodologia particolare, il Trattamento pedagogico globale, che garantisce concretamente un miglioramento della qualità di vita dei bambini e ragazzi che frequentano il centro;

il Ministro in indirizzo, con comunicazione del 12 maggio 2008, su indicazione del Direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale di Milano, ha revocato la convenzione che regola i rapporti tra la Scuola primaria statale della "Casa del Sole" e il Ministero della pubblica istruzione, specificando che «a partire dal prossimo anno scolastico, è intenzione dell'Ufficio Scolastico Regionale ridefinire gli accordi con la "Casa del Sole" su basi economicamente meno gravose»;

valutato che:

la suddetta convenzione, sottoscritta dai soggetti interessati in data 29 luglio 2005, prevede che gli insegnanti della scuola primaria statale possano svolgere 34 ore settimanali di servizio, aggiungendo alle 24 contrattuali, 10 ore straordinarie retribuite dall'Amministrazione statale;

in caso di nuova convenzione che non preveda alcuna ora straordinaria per gli 8 insegnanti in servizio, ma il solo orario settimanale contrattuale di "22+2" ore, la Casa del Sole dovrebbe assumersi, per attuare in modo corretto il proprio intervento globale, la copertura di oltre 3.200 ore annue, pari ad una spesa di 70.000 euro;

per quanto riguarda la Scuola dell'infanzia paritaria, (il cui finanziamento sarebbe stato notevolmente ridotto passando dai 107.581,26 euro assegnati per l'anno scolastico 2006-2007 ai 38.938,00 dell'anno scolastico 2007-2008), l'Ufficio scolastico regionale di Milano avrebbe comunicato alla Casa del Sole l'intenzione di disconoscere la natura giuridica di "scuola paritaria" sulla base dell'errata interpretazione della "Scuola della Casa del Sole" come "Scuola speciale" anziché "Scuola con particolari finalità", tuttora prevista e regolata dall'ordinamento scolastico;

analoga decisione potrebbe verificarsi relativamente alla Scuola primaria paritaria elementare della Casa del Sole, la cui Convenzione scade il 31 agosto 2008. Ciò comporterebbe la perdita del relativo finaziamento statale, il cui ammontare è di circa 193.670,00 euro;

in definitiva, le conseguenze economiche del mancato rinnovo delle convenzioni si concretizzerebbero per la Casa del Sole nel taglio di circa 332.670 euro di risorse finanziarie, determinando 70.000 euro in meno per le ore straordinarie degli 8 insegnanti statali; 69.000 euro (107.581 se dovesse scomparire la Scuola paritaria) in meno per la Scuola dell'infanzia e 193.670 euro in meno a seguito del mancato rinnovo della Convenzione per la Scuola primaria paritaria;

nel 2002 la Casa del Sole ha ottenuto la Certificazione del Sistema Qualità UNI EN ISO 9001-2000 riconfermata nel gennaio 2004 per le attività educative e riabilitative svolte nella sede di San Silvestro,

gli interroganti chiedono di sapere se il Ministro in indirizzo non ritenga opportuno rinnovare le convenzioni stipulate con la scuola "Casa del Sole", le cui caratteristiche e particolare metodologia pedagogica integrata la equiparano alle "scuole con particolari finalità", così come previsto dal decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, che all'art. 324 recita: « 1. Sono scuole con particolari finalità, ai sensi delle disposizioni del presente testo unico, oltre alle scuole funzionanti presso gli istituti statali per non vedenti e gli istituti statali per sordomuti anche le scuole funzionanti presso altre istituzioni statali o convenzionate con il Ministero della pubblica istruzione per speciali compiti di istruzione ed educazione di minori portatori di handicap e di minori in stato di difficoltà, nonché le scuole e gli istituti statali che si avvalgono, agli stessi fini, di interventi specializzati a carattere continuativo ».

(3-00033)