• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.5/00074 VICO, LULLI, GINEFRA, LUONGO, MARGIOTTA, GRASSI, BOCCIA, MASTROMAURO, BORDO, SERVODIO, BELLANOVA, CAPANO e CONCIA. - Al Ministro dello sviluppo economico. - Per sapere - premesso...




Atto Camera

Interrogazione a risposta immediata in Commissione 5-00074
presentata da
LUDOVICO VICO
martedì 3 giugno 2008 nella seduta n.012

VICO, LULLI, GINEFRA, LUONGO, MARGIOTTA, GRASSI, BOCCIA, MASTROMAURO, BORDO, SERVODIO, BELLANOVA, CAPANO e CONCIA. - Al Ministro dello sviluppo economico. - Per sapere - premesso che:


in data 19 marzo 2006 è stato sottoscritto un «Protocollo d'Intesa per il consolidamento del comparto industriale del Mobile Imbottito dell'Area Murgiana» - Matera, Bari, Taranto - tra Presidenza del Consiglio dei ministri, il Ministero per le attività produttive, il Ministero dell'economia e delle finanze, il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, la Regione Basilicata, la Regione Puglia, il Distretto Industriale del Mobile Imbottito di Matera, le organizzazioni sindacali CGIL CISL UIL confederali e FeNEAL FILCA FILLEA nazionali, regionali e territoriali, la CISAL, la Confindustria della Basilicata e della Puglia, la CONFAPI della Basilicata e della Puglia, API di Bari e Matera, la Confartigianato della Basilicata e della Puglia, la CNA della Basilicata e della Puglia, la CLAAI della Puglia;


obiettivo prioritario del Protocollo d'Intesa è quello di sostenere e rafforzare, attraverso l'attivazione di una procedura di Accordo di Programma e degli strumenti operativi necessari, la competitività del distretto del mobile imbottito e del territorio delle regioni Puglia e Basilicata (sede del distretto e dei Sistemi Produttivi Locali connessi);


il decreto ministeriale 3 dicembre 2007 «Attuazione in regime di esenzione delle agevolazioni previste ai sensi degli articoli 5-8 della legge n. 181 del 1989 e successive estensioni», nell'Allegato n. 1 «Comuni compresi nelle aree di crisi ex leggi 181 del 1989 e 513 del 1993», comprende i comuni, pugliesi e lucani, dell'area interessata dallo stato di crisi;


l'applicazione della legge n. 181 del 1989 ha dimostrato efficacia in situazioni analoghe, soprattutto nella capacità di generare nuovi investimenti e la contestuale ricollocazione del personale in esubero dal settore di crisi;


negli ultimi anni il Distretto Industriale del mobile imbottito - Matera, Bari, Taranto - ha subito un drastico ridimensionamento occupazionale; il solo Gruppo Natuzzi dai 12 mila addetti del 2002 è passato a 7 mila dipendenti nel 2007 e nel medesimo periodo le aziende dell'indotto che hanno chiuso l'attività sono 337 rispetto alle 500 che operavano;


nel mese di giugno 2008 scadono gli ammortizzatori sociali per 1300 lavoratori del Gruppo Natuzzi con la paventata dichiarazione di «esubero strutturale»;


i presidenti delle Regioni Puglia e Basilicata hanno chiesto un incontro urgente per avviare un tavolo per la soluzione della crisi -:


a che punto sia giunto l'iter di valutazione del Protocollo d'Intesa ricordato in premessa per la successiva trasformazione in Accordo di Programma Quadro e quali siano le risorse effettivamente disponibili per dare attuazione ad una politica di rilancio dei settori in questione, tra i più significativi per il made in Italy nel mondo anche attraverso l'applicazione della legge 181 del 1989 per la reindustrializzazione dell'area interessata dalla crisi del settore ove ne ricorrano i presupposti.(5-00074)