• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.9/01185/156 La Camera,premesso che:le coperture individuate dal decreto-legge in oggetto per far fronte agli oneri derivanti dagli sgravi sugli straordinari e dall'esenzione ICI infliggono un...




Atto Camera

Ordine del Giorno 9/1185/156
presentato da
SERGIO ANTONIO D'ANTONI
giovedì 26 giugno 2008 nella seduta n.024

La Camera,
premesso che:
le coperture individuate dal decreto-legge in oggetto per far fronte agli oneri derivanti dagli sgravi sugli straordinari e dall'esenzione ICI infliggono un colpo molto duro al Mezzogiorno, revocando drasticamente le risorse per le infrastrutture stanziate dal Governo Prodi;
la legge finanziaria 2007 aveva stabilito che le risorse inerenti agli impegni assunti da Fintecna S.p.a. nei confronti di Stretto di Messina S.p.a. fossero destinate a interventi di tutela dell'ambiente e difesa del suolo in Sicilia e in Calabria e soprattutto a interventi per la realizzazione di opere infrastrutturali in Sicilia e in Calabria, individuati successivamente nella statale Ionica, nella metropolitana leggera di Palermo, nella ferrovia Circumetnea, nelle piattaforme logistiche in Sicilia e nella superstrada Agrigento-Caltanissetta;
con il decreto tali risorse, pari a 1.363,5 milioni di euro, vengono revocate e destinate a misure che, per gran parte, favoriscono il Nord; in particolare per quel che riguarda l'esenzione ICI già con la detrazione aggiuntiva prevista dalla Finanziaria 2007 era stata assicurata l'esclusione per la maggior parte dei contribuenti del Sud in ragione del fatto che i valori catastali degli immobili al Sud sono più bassi rispetto a quelli del Nord;
altre misure presenti nel decreto sottraggono risorse al Mezzogiorno, tra le quali particolare rilevanza riveste il taglio delle risorse destinate alla viabilità secondaria di Sicilia e Calabria per 500 milioni in ciascun anno 2008 e 2009;
le risorse sottratte ai territori della Calabria e della Sicilia ammontano in totale ad oltre due miliardi di euro,

impegna il Governo

a valutare gli effetti derivanti dall'applicazione delle norme citate in premessa allo scopo di ripristinare nel più breve tempo possibile le risorse per le infrastrutture sottratte alla Calabria e alla Sicilia.
9/1185/156. D'Antoni, Oliverio, Berretta, Bernardini, Burtone, Capodicasa, Cardinale, Enzo Carra, Causi, Genovese, Levi, Laganà Fortugno, Laratta, Lo Moro, Cesare Marini, Pierdomenico Martino, Minniti, Antonino Russo, Samperi, Siragusa, Villecco Calipari.