• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/00720 REGUZZONI. - Al Ministro dell'interno. - Per sapere - premesso che: il Comune di Uboldo è interessato da oltre 11 mesi da una gestione commissariale, conseguente...
LEGGI ANCHE IL TESTO DELLA RISPOSTA ALL'INTERROGAZIONE
Testo della risposta scritta




Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-00720
presentata da
MARCO GIOVANNI REGUZZONI
mercoledì 16 luglio 2008 nella seduta n.036

REGUZZONI. - Al Ministro dell'interno. - Per sapere - premesso che:

il Comune di Uboldo è interessato da oltre 11 mesi da una gestione commissariale, conseguente all'annullamento delle elezioni amministrative svoltesi nel maggio 2007;

le consultazioni elettorali per l'elezione del Sindaco e del Consiglio comunale di Uboldo, celebratesi nel maggio 2007, sono infatti state impugnate per presunti errori formali nella presentazione delle liste depositate dalle coalizioni di centro-destra e centro-sinistra;

la rilevazione di vizi di forma da parte della Commissione del Ministero dell'interno in sede di verifica della regolarità delle liste elettorali ha infatti comportato l'esclusione di alcune liste dalla consultazione elettorale; successivamente, tali vizi sono stati ritenuti insussistenti ai fini dell'esclusione;

a seguito della vittoria della Lista Civica Uboldo al Centro nella consultazione elettorale del maggio 2007, sono stati sollevati alcuni ricorsi in sede giudiziaria aventi ad oggetto la regolarità delle elezioni;

in pendenza dei suddetti ricorsi, il 9 ottobre sono state annullate dal TAR in primo grado di giudizio le elezioni del maggio 2007;

conseguentemente, il 25 ottobre 2007 è stato commissariato il Comune di Uboldo;

il Consiglio di Stato avrebbe dovuto pronunciarsi sulla questione nell'udienza del 26 febbraio 2008; il rinvio dell'udienza al 24 giugno ha tuttavia determinato l'impossibilità per il Comune di Uboldo di partecipare alle elezioni amministrative indette nell'aprile 2008;

ai sensi dell'articolo 5, comma 4, del decreto-legge 27 febbraio 2008, n. 30, con cui sono state indette le ultime elezioni politiche ed amministrative, «I comuni sciolti ai sensi dell'articolo 143 del testo unico di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, sono inseriti nel turno elettorale di cui al comma 1, qualora il periodo di durata della gestione commissariale si concluda entro il termine antecedente a quello fissato per la votazione»;

l'impossibilità di ricomprendere il Comune di Uboldo nella suddetta previsione ha comportato la prosecuzione della gestione commissariale, che è destinata a protrarsi fino all'indizione di nuove elezioni amministrative;

tale situazione, che sta fortemente penalizzando la regolarità nella gestione politico-amministrativa del Comune di Uboldo, sembra essersi verificata senza una diretta responsabilità da parte delle forze politiche coinvolte;

qualora la gestione commissariale perdurasse fino alle prossime elezioni dell'aprile 2009, si determinerebbe una evidente alterazione del principio democratico-rappresentativo che informa il funzionamento di tutti gli enti territoriali -:

se il Ministro dell'interno non ritenga opportuno intervenire tempestivamente adottando i dovuti provvedimenti affinché sia offerta al Comune di Uboldo la possibilità di interrompere la gestione commissariale e di procedere a nuove consultazioni elettorali, senza dover attendere la scadenza elettorale del prossimo aprile-maggio 2009.(4-00720)