• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN ASSEMBLEA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.9/01366/022 La Camera,premesso che:il disegno in esame prevede interventi in materie quali quelle della sicurezza, dell'ordine pubblico, del diritto penale e processuale penale, volti a...




Atto Camera

Ordine del Giorno 9/1366/22
presentato da
GUGLIELMO VACCARO
mercoledì 16 luglio 2008 nella seduta n.036

La Camera,
premesso che:
il disegno in esame prevede interventi in materie quali quelle della sicurezza, dell'ordine pubblico, del diritto penale e processuale penale, volti a prevenire e contrastare la criminalità organizzata;
in particolare gli emendamenti presentati dal Governo prima della posizione della questione di fiducia, sostitutivi degli articoli 2-bis e 2-ter del testo, sono intervenuti in maniera non organica e non sistematica nelle materie dell'organizzazione giudiziaria, della trattazione dei processi e delle priorità di politica criminale, senza prevedere la formazione di adeguati progetti organizzativi e la interlocuzione con tutte le parti interessate alla rapida ed efficace trattazione dei processi;
vi è l'esigenza ampiamente condivisa di razionalizzare e di accelerare i tempi dei procedimenti civili e penali, al fine di realizzare pienamente la ragionevole durata del processo, quale espressione del principio di cui all'articolo 111 della Costituzione;
il perseguimento di tale finalità presuppone necessariamente l'adozione di un nuovo metodo di organizzazione del lavoro del personale dell'Amministrazione giudiziaria, tale da introdurre modelli orientati all'efficienza del servizio e da valorizzare la professionalità degli operatori, favorendo il ricorso a strumenti che consentano una migliore programmazione e una più razionale gestione dell'attività degli uffici giudiziari,

impegna il Governo

a valutare la possibilità di adottare con urgenza misure volte a realizzare l'informatizzazione del procedimento penale mediante la realizzazione di strumenti informatici di gestione dei processi lavorativi e di archiviazione formale degli atti, attraverso la introduzione della firma digitale e della trasmissione elettronica dei documenti; in particolare tale sistema informativo dovrà riguardare l'attività del Pubblico Ministero e del Giudice e prevedere l'istituzione della banca dati delle misure di prevenzione, dei beni oggetto delle misure preventive di natura ablatoria, una banca dati dei beni confiscati e dei corpi del reato, del casellario giudiziale centrale informatizzato e delle misure cautelari personali e reali.
9/1366/22. Vaccaro.