• Testo ODG - ORDINE DEL GIORNO IN COMMISSIONE

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
S.0/00949/007/ ... premesso che, l'evasione fiscale costituisce un problema rilevante per diversi motivi: riduce il gettito fiscale, produce disparità di trattamento tra soggetti con uguale...



Atto Senato

Ordine del Giorno 0/949/7/05 presentato da ALFONSO MASCITELLI
mercoledì 30 luglio 2008, seduta n. 036

La 5 Commissione,
premesso che,
l'evasione fiscale costituisce un problema rilevante per diversi motivi: riduce il gettito fiscale, produce disparità di trattamento tra soggetti con uguale capacità contributiva, altera le condizioni di concorrenza sui mercati;
l'evasione fiscale è un grave fenomeno economico e sociale che, giustamente, deve essere debellato;
emerge, infatti, che viene occultata al fisco una quota elevatissima del reddito prodotto, per esempio il 33 per cento dell'imponibile IV A sfugge a tassazione, e che gli evasori totali (coloro cioè che pur avendo redditi non li dichiarano affatto, neanche parzialmente) sono molto più numerosi di quanto si ritiene; per cui dovunque ci sia dei controlli e un sistema di riscossione efficiente ed efficace, si riesce a combattere il fenomeno;
nel 2007, infatti, Equitalia è riuscita a incassare 859 milioni di euro da 606 evasori-vip, ovvero quelli con un debito fiscale superiore ai 500 mila euro. Lo ha detto l'amministratore delegato di Equitalia, specificando che si tratta del 18 per cento dell'intero incasso del totale dei ruoli erariali;
è ovvio, quindi, per migliorare il rapporto con i cittadini è indispensabile far capire che pagare le imposte è un dovere, che ricevere una cartella per tributi non pagati è il primo passo di un iter che porta alle procedure cautelari ed esecutive per garantire equità nei confronti di quei cittadini che le tasse e tributi li pagano spontaneamente;
impegna il Governo:
a valutare l'opportunità di adottare le adeguate iniziative normative al fine di incrementare la lotta all'evasione fiscale, ampliando il personale di Equitalia spa addetto alla riscossione, facendo ricorso al personale in esubero degli enti pubblici soppressi dal decreto-legge n. 112 del 2008.
(0/949/7/5)
MASCITELLI, LANNUTTI, PARDI, PEDICA, CARLINO, DE TONI