• Testo INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

link alla fonte

Atto a cui si riferisce:
C.4/01054 DIMA. - Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare. - Per sapere - premesso che: il Comune di Cerisano (Cosenza) si è fatto promotore del progetto...
LEGGI ANCHE IL TESTO DELLA RISPOSTA ALL'INTERROGAZIONE
Testo della risposta scritta



Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-01054 presentata da GIOVANNI DIMA
mercoledì 17 settembre 2008, seduta n.051
DIMA. - Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare. - Per sapere - premesso che:

il Comune di Cerisano (Cosenza) si è fatto promotore del progetto «Ripopoliamo le nostre montagne di cinghiali»;

alla suddetta iniziativa hanno aderito anche i Comuni di San Lucido, Marano Marchesato, Marano Principato, Carolei, Fiumefreddo Bruzio, Paola e Mendicino, a dimostrazione del fatto che la volontà comune di questi territori è di condivisione piena dei principi e dei contenuti di tale iniziativa;

il Comune di Cerisano (Cosenza), quale soggetto promotore, ha chiesto all'Ente «Parco nazionale dei Pollino», con sede a Rotonda (Potenza), di avere la disponibilità di circa 1100 cinghiali che il piano di controllo del cinghiale dell'Ente Parco destina all'abbattimento o alla cattura;

il Parco del Pollino, in merito al controllo della presenza del cinghiale, sta cercando di attuare tutte quelle possibili tecniche che hanno la finalità di ridurre l'impatto della presenza di questo animale sulle attività umane e di sperimentare iniziative per il controllo numerico della specie allo scopo di diminuire il conflitto con le attività produttive presenti nel territorio del Parco che in quest'ultimo periodo si sta presentando come un vero e proprio problema sociale;

nelle linee guida per la gestione del cinghiale del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare la soluzione del ripopolamento viene considerata «assai criticabile poiché il cinghiale ha oggi in larga misura saturato l'areale ove la sua presenza è tollerabile ed una delle misure urgenti per attivare una strategia di gestione della specie a livello nazionale è proprio la sospensione del ripopolamento»;

alla luce di queste considerazioni, l'Ente Parco del Pollino ha comunicato di non poter accogliere il progetto presentato dal Comune di Cerisano -:

quali iniziative il Ministro dell'ambiente intenda promuovere per derogare a quanto prospettato nelle linee guida al fine di consentire all'Ente Parco ed ai Comuni interessati una corretta gestione dei ripopolamenti sia dentro che fuori le aree protette.(4-01054)