Camera, disegno di legge  

Iniziativa quorum zero e più democrazia

  • ultimo status: 02/10/2012 Camera: assegnato (non ancora iniziato l'esame)
  • tutti gli status [ apri ]

iter parlamentare del disegno di legge:  
  • 24/08/2012C.5424

    presentato alla Camera

  •  C.5424

    da approvare alla Camera

  •  

    da approvare al Senato

  •  

    diventa legge

leggi i testi ufficiali dell'atto e aggiungi le tue note :

  note degli utenti coo-mind
1 C. 5424 Proposta di legge presentata il 24 agosto 2012 0  
descrivi insieme agli altri utenti questo atto:

qui sotto puoi inserire o modificare la descrizione per questa votazione. Per modificare effettua il login

La proposta di legge “Quorum Zero e Più Democrazia” ha l’obiettivo di modificare alcuni articoli della Costituzione italiana per migliorare l’utilizzo degli strumenti di democrazia diretta già esistenti e introdurne di nuovi in Italia, ma sperimentati ed utilizzati da più di un secolo in altri paesi del mondo come la Svizzera e la California. L'obiettivo è quello di migliorare il funzionamento della democrazia italiana affiancando alla democrazia rappresentativa attuale, strumenti che diano la possibilità ai cittadini di far sentire la loro voce e di prendere decisioni che riguardano la cosa pubblica.

I punti della proposta di legge:

  • Quorum zero in tutti i referendum, chi vota decide, come nelle elezioni dei rappresentanti. Per quanto possa apparire strano a noi italiani, la presenza del quorum non è così diffusa: in Europa ad esempio, esiste un quorum del 50% in Slovenia, Ungheria, Polonia, Rep. Ceca, Slovacchia e quasi tutte le repubbliche dell’ex blocco comunista. I referendum non prevedono il quorum in paesi con lunga storia democratica: Francia, Gran Bretagna, Irlanda, Finlandia, Paesi Bassi, Islanda, Lussemburgo, Austria, Spagna, Malta, Liechtenstein, oltre che ovviamente nella patria dei referendum, la Svizzera.

  • Revoca degli eletti, che previa raccolta di un numero elevato di firme, possono essere sottoposti a votazione di revoca del mandato, come in Svizzera, California (non molti sanno che Arnold Schwarzenegger è stato eletto governatore in un’elezione per sostituire il precedente governatore Gray Davis, dopo la sua revoca), recentemente abbiamo un esempio in Germania, dove il sindaco di Duisburg è stato revocato dai suoi cittadini con il voto.

  • Referendum confermativo (come in Svizzera). Tutte le leggi create dal parlamento, prima di entrare in vigore, possono essere poste a votazione popolare, previa raccolta delle firme necessarie.

  • Referendum propositivo (come in California).

  • Iniziativa di legge popolare a voto popolare (come in Svizzera), passa in parlamento, dove può essere accettata, rifiutata oppure generare una controproposta, ma poi viene votata dai cittadini.

  • Referendum obbligatori in alcune tipologie di leggi in cui i rappresentanti hanno un conflitto di interessi (es. finanziamento partiti, leggi elettorali) e sui trattati internazionali e sulle leggi urgenti.

  • Nessun limite di materie referendabili (come in Svizzera), tutto ciò che può essere discusso dai rappresentanti, può essere messo a referendum e votato dai cittadini.

  • Indennità dei parlamentari stabilita dai cittadini al momento del voto.

  • Possibilità da parte dei cittadini di modificare la costituzione (come in Svizzera dal 1891).

  • Iniziativa di legge popolare a voto parlamentare con obbligo di trattazione in parlamento in 12 mesi. Se ciò non accade diviene referendum e va al voto popolare.

  • Obbligo di introduzione di strumenti di democrazia diretta a livello locale senza quorum.

  • Petizione con obbligo di risposta entro 3 mesi.

  • Possibilità di modificare lo strumento di democrazia diretta da utilizzare, anche dopo il deposito delle firme (il comitato promotore può scegliere uno strumento che richieda un numero inferiore e sufficiente di firme, indicandolo preventivamente).

  • Cittadini autenticatori (oltre alle figure previste oggi per legge).

  • Utilizzo di firme elettroniche (come per la “Iniziativa dei Cittadini Europei”).

L’iniziativa è nata ed è promossa da un comitato di cittadini da varie parti d’Italia. La realizzazione della proposta è stato un lungo ed appassionante percorso durato da giugno 2011 fino a febbraio 2012, fatto di incontri dal vivo e di riunioni virtuali sul web. Il testo finale è il risultato condiviso da un gruppo di persone appassionate ed esperte di democrazia diretta e impegnate da tempo su questo tema.

Il testo completo della proposta di legge di iniziativa popolare è disponibile assieme ad altre informazioni sul sito dell’iniziativa: www.quorumzeropiudemocrazia.it

Una pagina wiki per la proposta si trova qui: wiki

La proposta è stata depositata a Roma presso la cancelleria della Corte di Cassazione, ed è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale in data 14 febbraio 2012. qui il link:

http://www.camera.it/_dati/leg16/lavori/stampati/pdf/16PDL0063510.pdf

primi firmatari:
relatori:

che cosa sono i firmatari

che cosa sono i relatori

commissioni assegnatarie in sede referente:

cosa sono le commissioni

guarda le commissioni in sede consultiva [ apri ]

monitora questo atto

che significa monitorare

avvia il monitoraggio

41 utenti monitorano questo atto

questi utenti monitorano anche...


sei favorevole o contrario?
Così hanno votato gli altri 67 utenti
100%
67 favorevoli hanno votato anche...
0%

RSS
News - Atto
02/10/2012

Camera - È stato assegnato in Commissione il disegno di legge

24/08/2012

Camera - E' disponibile il nuovo documento "C. 5424 Proposta di legge presentata il 24 agosto 2012"

24/08/2012

Camera - Presentato

Camera - è all'esame in Commissione permanente I AFFARI COSTITUZIONALI

Camera - è all'esame in Commissione permanente III AFFARI ESTERI

Camera - è all'esame in Commissione bicamerale COMMISSIONE PARLAMENTARE PER LE QUESTIONI REGIONALI

vedi tutta la cronologia